“Facce di Zal”. La parola ad Andrea Rosetti

“Facce di Zal”. La parola ad Andrea Rosetti

In Zal mi occupo di acquisire e sviluppare nuovi clienti, in zona e fuori regione. Del mio lavoro mi piace lo stimolo della conquista, la cura del cliente, la dinamicità. Conoscere gente nuova e consolidare i rapporti”.

Altra faccia, altra storia. Torna con uno spazio tutto dedicato ad Andrea Rosetti la rubrica “Facce di Zal”, dove i protagonisti sono proprio loro, i membri della grande famiglia di Zal. Sales Manager e parte integrante della squadra dal 2014, Andrea oggi ci parla di sé, della sua esperienza nel settore, di come è cominciato il suo percorso all’interno dell’azienda.

Informatica e tecnologia non erano, inizialmente, pane per i suoi denti. Nel dna c’era ben altro. C’era la terra, un mondo così diverso e distante da quello delle telecomunicazioni. Due realtà che per caso o per fortuna, si sono incrociate lungo il suo cammino.

Quali erano le mie aspirazioni? Non mi sarei mai immaginato qui dove sono oggi. Ho conseguito una laurea in scienze agrarie, mio padre era un imprenditore agricolo. Poi, circostanze della vita hanno fatto sì che mi avvicinassi ad un settore totalmente diverso. Quando sono arrivato a parlare di telecomunicazioni, lo ammetto, non ci capivo niente. Ero uno di quelli che pagavano le bollette a suon di parolacce….

Poi tutto è cambiato. “Per 20 anni ho commercializzato una macchina per la pulizia di ambienti. Ho sviluppato una rete di collaboratori, concessionari e rivenditori di zona facendomi le ossa nel commerciale. Poi ho proseguito nel settore delle telecomunicazioni arrivando a sviluppare 13mila clienti dislocati in varie zone di Italia”. Il lavoro di Andrea Rosetti è dinamico, “lontano dalla scrivania, dalla rigidità di orario e in continuo movimento. La mia è una figura prettamente commerciale. Ho fatto il mio ingresso in azienda a gennaio 2014, ho iniziato a procacciare nuovi clienti, mi sono impegnato nello sviluppo di zone nuove oltre Forlì e Ravenna. L’ho fatto, nel tempo, raccogliendo grandi soddisfazioni”.

Se si potesse scegliere il lato più bello di Zal? “Senza dubbio sarebbe il rapporto con le persone. Il mio è un campo stimolante, dove ci si pongono sfide quotidiane. Ogni cliente acquisito apre nuovi orizzonti”.

Grazie al know how, alla competenza e alla passione che mette in tutto quello che fa, Andrea è riuscito a sviluppare collaborazioni importanti con associazioni di categoria, soprattutto nel settore albergatori, ma anche con i commercianti e con Confesercenti. “Lavoro su un bacino referenziale. Il cliente di me apprezza la trasparenza, l’affidabilità, l’essere sempre presente e raggiungibile. Valori aggiunti che contraddistinguono l’intero operato di Zal”.

Lo avevamo raccontato bene nel post dedicato alla collaborazione con i Tigers Forlì, il gioco di squadra conta, nel lavoro e nella vita. La pensa così anche Rosetti, che avendo praticato rugby e football americano in serie A per un decennio, di sport se ne intende. “Non sono il tipo che si concentra, da solo, chiuso nel suo ufficio. Penso che il lavoro vada sempre condiviso, trasformato in qualcosa di divertente. Credo fermamente nelle dinamiche sportive, un modello replicato anche nel mio gruppo di lavoro. Creare un team, lavorare tutti insieme agli stessi obiettivi per rimanere al top della classifica: questo è lo spirito con cui si vincono le partite”.

Perché Zal, qual è l’aspetto del tuo lavoro che ti rappresenta di più? “Vado fiero del fatto che tutto quello che prospetto al cliente si mantiene. Al 100%. Mi piace spendere parole che vengono rispettate. La mia azienda mi offre la possibilità di riservare un trattamento personalizzato per ogni cliente andando incontro alle esigenze più disparate. Cosa che non potrei fare con un operatore istituzionale. Mi sento privilegiato in questo. In un mercato torbido, inquinato come quello delle telecomunicazioni, che comunque non conosce crisi, sappiamo distinguerci per la cura delle relazioni e la professionalità. E questo è uno dei nostri punti di forza”.

0

Lascia un commento